IL VINO È PAESAGGIO, ACCOGLIENZA
E GIOIA DI VIVERE

La Famiglia Zingarelli, ha deciso di ridisegnare la propria identità in cui la “Famiglia”, intesa come un laboratorio d’idee e un sistema di valori, diventa espressione a 360° dell’anima di Rocca delle Macìe. Vengono raccolte e ridefinite sotto un nuovo concetto di espressione territoriale alcune iconiche etichette: i “singoli vigneti” diventano così parte di un percorso destinato a crescere e a rappresentare l’identità delle proprie Tenute a livello globale.

_A7R0093 - Sergio copia

Sergio Zingarelli

Chianti Classico Gran Selezione

SCOPRI

_A7R0083 - Tenuta Fizzano

Tenuta Fizzano Il Crocino

Chianti Classico Gran Selezione

SCOPRI

_A7R0094 - Tenuta Le Macie

Tenuta Le Macìe Sergioveto

Chianti Classico Riserva

SCOPRI

_A7R0097 - Sant'Alfonso

Tenuta Sant’Alfonso

Chianti Classico

SCOPRI

_A7R0084 - Roccato

Roccato

Cabernet Sauvignon Toscana IGT

SCOPRI

_A7R0100 - Aja Bruciata 2022

Vigna L’Aja Bruciata

Vermentino Superiore Maremma Toscana

SCOPRI

DAL CHIANTI CLASSICO

I vini iconici di Rocca delle Macìe, vini nati e cresciuti con l’azienda, oggi ambasciatori del nostro territorio in tutto il mondo.

DALLA MAREMMA

Il respiro maremmano della Famiglia Zingarelli. Nel 1998 Sergio Zingarelli, approda in Maremma per esplorare una zona dove la tradizione vitivinicola ha radici antichissime. Così, all’interno della zona del Morellino di Scansano, acquista la Tenuta Campomaccione, 80 ettari di cui circa 25 oggi destinati alla coltivazione di Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah. Nel 2003 una nuova proprietà va a rafforzare la partecipazione di Rocca delle Macìe in Maremma con l’acquisto della Tenuta Casa Maria: 64 ettari di terreno, all’epoca incolto, dove impianta 25 ettari di vigneto, 10 dei quali di Vermentino.

DALLA TOSCANA
SPECIALITÀ
SPIRITS

Quarta generazione di una lunga stirpe di viticoltori, Maxime Blin, giovane vignaiolo innamorato della terra e del vino, vinifica il suo Champagne nell’azienda di famiglia, su un terreno di 12 ettari. Nel cuore del massiccio di Saint-Thierry, nel villaggio di Trigny, a 10 km da Reims, coltiva i tre vitigni per la produzione dello Champagne – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardonnay – su vigneti che hanno mediamente vent’anni.

È in provincia di Brescia, nel cuore della Franciacorta che ha sede questa antica cantina gestita dalla famiglia Fratus che, con 18 ettari di vigneto, produce vini di grande finezza frutto di esperienza e cura nella gestione dei vigneti e di tutte le fasi del processo produttivo. Grazie alle competenze dei propri operatori, l’azienda ha da tempo avviato una forma di gestione fondata sul rispetto dell’ambiente e delle condizioni di lavoro, concludendo, con la vendemmia 2006, la fase di conversione al metodo “biologico” dell’intera produzione. La scelta aziendale deriva da una volontà decisa nell’associare i criteri di qualità a quelli di integrità dei propri vini con uno spirito di grande considerazione dei principi etici propri dei rapporti umani.

I vini di Villa Vescovile sono figli della grande tradizione vitivinicola trentina e racchiudono tutta la sua storia e cultura. Le uve provengono da prestigiosi vigneti situati poco a nord di Trento impiantati a pergola su terreni terrazzati tipici della zona, e danno vita a vini rossi e vini bianchi che si distinguono per il loro carattere e per la loro tipicità. I vini di Villa Vescovile racchiudono le più importanti Denominazioni d’Origine della regione.

Azienda fondata negli anni ’80 in una zona particolarmente vocata del Friuli Orientale, dove le dolci colline sono un’alternanza di strati di marne e arenarie, chiamata in friulano “ponca”. Di proprietà della famiglia Ermacora che da sempre fa della viticoltura il proprio punto di forza.

Matteo Ascheri, sesta generazione e una laurea in economia e commercio, suggerita dal padre, non lo tiene lontano dalla vigna, anzi alimenta in lui il desiderio di nuove esperienze. I classici Barolo, Nebbiolo, Dolcetto, Barbera con le loro valenze e sfumature hanno in lui un garante della continuità.

Il Merlot di Giordano Emo Capodilista, la Barbera di Andrea Faccio e il Sangiovese di Sergio Zingarelli: tre vitigni che esprimono tre diversi territori e tradizioni, e raccontano tre diverse personalità. Unite al piacere di stare insieme, una grande amicizia e un pizzico di fantasia: questo è PrimoVolo!

Treperuno invece è il secondo progetto nato dalla passione dei tre amici per una grande uva: il Merlot.

L’Azienda Agricola Macchialupa è situata nella Valle del Sabato al confine tra la provincia di Avellino con quella di Benevento tra ampie valli ed elevate dorsali, dove, a circa 450 metri sul livello del mare, vengono coltivati i vitigni Falanghina, Greco, Fiano ed Aglianico.

La linea PietraPura nasce dalla collaborazione tra l’azienda toscana Rocca delle Macìe e rinomate aziende pugliesi nel comune intento di valorizzare i vitigni autoctoni del Salento e creare dei vini che esprimano al meglio il territorio.

L’azienda Straccali è stata fondata nel 1925 da Giulio Straccali, esperto enologo, agricoltore, imprenditore e produttore di vino con un grande sogno nel cassetto: far scoprire attraverso i suoi vini i profumi, i colori e i sapori della terra toscana.